Nonostante le bellissime giornate che Ottobre ci sta regalando, le atmosfere grigie e uggiose non tarderanno ancora molto ad arrivare. E con esse anche l’indolenza tipica di questa stagione.

Quando quel momento giungerà, sarà una dolcissima consolazione lasciarsi invadere dal profumo delle spezie e dal sapore pieno e succoso di certe preparazioni.

Nel mio caso, tra le altre cose, si tratterà di vaniglia, cannella e anice stellato, meravigliosamente abbinate alla polpa succosa delle pere mature e all’Amaretto.

Una ricetta semplice ma di sicuro effetto che potrete servire come fine pasto (salvandovi magari in extremis, in caso di ospiti improvvisi), accompagnata o meno da una pallina di gelato alla vaniglia.

Oppure potrà essere una golosa strenna natalizia da regalare.

 

Pere all’Amaretto

per un vasetto a 250 ml

4 pere coscia mature ma sode
400 ml di acqua
4 cucchiai di zucchero
anice stellato, vaniglia e cannella a piacere
120 ml di Amaretto i Saronno o altro liquore alla mandorla

Pulire e pelare delicatamente la frutta.

Mettere a bollire su fuoco medio l’acqua, la stecca di vaniglia (tagliata a metà nel senso della lunghezza), l’anice stellato, la cannella e lo zucchero.

Quando lo zucchero sarà completamente sciolto, immergervi le pere e lasciarle cuocere per circa 10 minuti.

Nel frattempo, sterilizzare il vasetto di vetro che intendete utilizzare.

Una volta cotte le pere, toglierle dall’acqua di cottura, lasciarle sgocciolare in un piattino, poi tagliarle a metà (molto delicatamente) e rimuovere i semini all’interno. Sistemare poi la frutta nel barattolo, facendo attenzione a lasciarla integra, insieme alle spezie e coprire tutto con il liquore.

Sigillare e conservare in frigo per 2 – 3 settimane. 

 

 

 

Angela

2 Comments
  1. Ciao Angela è un piacere immenso rileggerti. Un grosso in bocca al lupo per i tuoi progetti e ottima grafica.
    Questo delizioso barattolino di pere all’amaretto lo vedo proprio bene in questo autunno mite.
    E come scrivi ideale per un regalo Hand made.
    Non vedo l’ora di vedere cosa ci pubblicherai di buono.
    Un abbraccio, vale.

Se ti va, dimmi cosa ne pensi: