I secondi piatti sono sempre un gran problema, per me.

Diciamo che cucinare le proteine, in generale, non solletica la mia creatività; il più delle volte mi limito alle poche preparazioni che ho imparato a fare e che mi riescono bene.

Ci sono occasioni, però, in cui occorre mettere insieme un menu completo e presentare ai commensali un secondo piatto degno della festa.

Insomma, ogni tanto tocca farlo e farlo bene!

La tasca di vitello ripiena di cui parlo oggi l’ho trovata su La Cucina Italiana di ottobre.

Non è proprio uguale, eh… Limitarmi a riprodurre una ricetta non è proprio nelle mie corde.

Ma le indicazioni, soprattutto sulla cottura, sono state utili e perfette, il risultato ottimo, il profumino per casa veramente invitante.

Ricetta promossa, quindi. Ci vediamo alle prossime feste!

Lo spinacino è un taglio piatto a forma triangolare un po’ meno tenero della noce vera e propria, più adatto a spezzatini e a lunghe cotture. O a essere farcito. Qui in Toscana viene anche chiamato cimalino.

Da voi come si chiama?

Tasca di vitello ripiena

600g di spinacino di vitello
150g macinato di vitello
150g ricotta
80g prosciutto cotto a dadini
1 fetta di zucca tagliata a cubetti
60g di funghi porcini
1 cipolla
1 scalogno
1 uovo
una manciata di parmigiano
salvia, rosmarino ed erbe aromatiche a piacere
olio evo, sale e pepe
200g di vino per sfumare

Inserire il coltello, di piatto, nella parte centrale più larga del pezzo di carne e praticare un’apertura scendendo fino alla punta e poi spostandosi verso le estremità, in modo da creare una tasca.

Tenere da parte.

In una padella rosolare lo scalogno e la cipolla per qualche minuto, a fuoco dolce. Aggiungere poi i porcini e la zucca e lasciar cuocere per qualche minuto. Spegnere e tenere da parte.

In una ciotola unire il macinato, la ricotta e l’uovo e mescolare. Aggiungere il prosciutto cotto, il parmigiano e il soffritto con i funghi e la zucca. Aggiustare con sale e pepe e, con il composto ottenuto, riempire la tasca di vitello, avendo cura di far arrivare il composto fino alla punta più sottile.

Cucire l’estremità dello spinacino con ago e spago da cucina o, se non li avete, chiudere con due o tre stuzzicadenti in modo che il ripieno non fuoriesca durante la cottura.

Salare e pepare la superficie della tasca ripiena e rosolare in olio caldo per 2-3 minuti per lato.

Aggiungere le erbe aromatiche scelte e sfumare con il vino.

Coprire con un coperchio e far cuocere per circa 45 minuti, rigirando la carne di tanto in tanto. Se dovesse asciugarsi troppo il fondo di cottura, aggiungete poco brodo.

A cottura ultimata, spegnere il fornello e lasciar riposare la carne per un’oretta, prima di tagliarla e servirla.

 

Enjy!

Angela

Se ti va, dimmi cosa ne pensi:

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.