Pudding al cioccolato

Il cioccolato, come diceva Geneen Roth, “non è una cosa che puoi prendere o lasciare, che può piacerti moderatamente. Il cioccolato non è qualcosa che ti piace. Non è nemmeno qualcosa che ami. Il cioccolato è qualcosa con cui hai una relazione clandestina”.
 
Alzi la mano chi non è d’accordo!!!
 
Sabato sera, poi, avevo un’aiutante speciale… una neo quattrenne che, a intervalli regolari, mi chiede: “mamma facciamo un dolcino?”
Come si fa a dirle di no?
Eppoi, avevo appena letto questo topic di Giulia Pignatelli su Coquinaria…

..e così ho, anzi abbiamo, prodotto questo favoloso pudding!
Ingredienti
 
200 g di farina
50 g di mandorle
100 g di zucchero di canna o zucchero bruno (sceglietene uno bello profumato)
3 cucchiaini lievito per dolci
50 g cacao
90 g burro salato (io ho usato del burro normale e ho aggiunto, come al solito, un pizzico di sale nell’impasto)
2 uova grandi
2,5 dl di latte
essenza di vaniglia
Giulia l’ha fatto così… e io come lei: 
Ho tritato le mandorle nel mixer.
Ho aggiunto farina, lievito, cacao, zucchero e dato un’altra mescolata.
Inserire, poi,anche il burro a pezzetti, le uova e, infine, il latte e la vaniglia. Mescolando bene di volta in volta.
Versare in uno stampo possibilmente di ceramica (non va sformato).
Preparare una salsa in questo modo:
3 cucchiai di cacao
100 gr zucchero di canna
5 dl acqua bollente
Mescolare il cacao e lo zucchero, versarli sul dolce e ricoprire con l’acqua bollente versandola lentamente.
Infornare a 180° per 30′ 

 (attenzione al passaggio in forno!!!).

 
Io, che non avevo mai fatto un pudding e non avevo idea della consistenza che dovesse avere, l’ho lasciato cuocere un pò più dei 30 minuti previsti, pensando che la salsina sarebbe stata completamente assorbita.

In realtà non è così…  e 30 minuti sono perfetti, perchè, in questo modo, il dolce rimane morbido scioglievole in bocca.

 

Passione pura!!!

6 thoughts on “Pudding al cioccolato

  1. L’ho fatto circa un’ora fa; l’ho messo in tre pirofiline e cotto per 25 minuti.
    Ah dimenticavo due cose da dirti……
    1- una pirofila è scomparsa nel giro di cinque minuti (tutta io,si intende!!!)
    2-è spettacolare…ma sarò ingrassata almeno 1kg…sigh sigh..
    Ora farò un esperimento:congelerò una pirofila e poi,dopo scongelato, riscalderò il pudding a bagnomaria nel forno. Ti saprò dire.
    A fine state posterò la ricetta,grazie di cuore a te e a Giulia.

    1. Mariabianca, grazie per averla provata 🙂
      sono contenta che ti sia piaciuta.. anch’io ne spazzolai da sola più di metà!
      E lasciamo stare la questione del peso!
      Ci mancava solo il blog.. ci mancava… 🙁

Se ti va, dimmi cosa ne pensi: