Tra i dolci che simboleggiano il Natale un posto di primo piano spetta sicuramente al torrone, un concentrato di dolcezza e golosità.

E no. Non mi sentirete parlare di calorie, di lunedì mattina.

Anche perchè mi immagino la scena: è il giorno di Natale, siete arrivati – in ritardo, cercando inutilmente di posticipare l’inevitabile – a casa della zia Luisa e ora siete seduti tra la suocera sorda di vostra sorella e il figlio del cugino di vostro padre con cui facevate le prove di bacio a 14 anni perchè aveva del potenziale, ma che ora è diventato geometra, ha 4 capelli superstiti in testa e la pancetta da impiegato.

Avete superato indenni il primo, il secondo e pure il terzo giro di antipasti, i tortellini in brodo della nonna e l’arrosto farcito con l’intero contenuto della dispensa e relativo contorno, cercando di schivare con grazia i maldestri tentativi di approccio del suddetto geometra.

No, dico.. veramente pensate che un pezzo di questa delizia scioglievole possa fare una differenza sostanziale nel complesso delle calorie che avete allegramente sbocconcellato finora?

Suvvia, è Natale! Godetevi la festa in serenità.

E poi, come diceva Rossella O’Hara, domani è un altro giorno!

 

torrone morbido alle nocciole

Vi assicuro che fare in casa il torrone non è affatto difficile, come potrebbe sembrare.

L’unica accortezza è quella di procurarvi un termometro per dolci, per verificare la temperatura dello zucchero. Se riuscite a trovarlo, è questione di una ventina di minuti.. non di più!

Torrone morbido alle nocciole e frutti rossi

per una teglia 20×30

2 albumi
420 g zucchero semolato
120 g sciroppo di glucosio
50 g acqua
80 g miele
scorza d’arancia
i semi di una bacca di vaniglia
100 g nocciole
50 g frutti rossi disidratati
2 fogli d’ostia delle dimensioni della teglia (se siete intolleranti, verificate che le cialde siano senza glutine)

 

Scaldare il forno a 150° e tostare le nocciole per una decina di minuti. Spegnere e tenere in caldo.

Posizionare un foglio di cialda sul fondo di una teglia delle dimensioni 20×30.

Montare gli albumi a neve ben ferma con 20 g dello zucchero previsto dalla ricetta, la scorza grattugiata dell’arancia e i semi di vaniglia.

In un pentolino, versare i rimanenti 400 g di zucchero con lo sciroppo di glucosio e l’acqua. Portare alla temperatura di 146°, verificando la temperatura con un termometro per dolci.

Raggiunta la temperatura, spostare il pentolino dal fuoco e unire il miele. Riportare tutto sul fuoco finchè il composto non raggiunge nuovamente i 146°.

A questo punto, versare lo sciroppo di zucchero (attenzione a non scottarvi) a filo sugli albumi che montano. Continuare a montare finchè il composto non rassoda. Spegnere le fruste e unire le mandorle tostate e la frutta disidratata, mescolando con un cucchiaio di legno, poi passare tutto nella teglia. Livellare con un cucchiaio o una spatola bagnati di acqua fredda e ricoprire con il secondo foglio di ostia.

Lasciar riposare almeno 5 ore fuori dal frigo prima di tagliare e servire.
 

 

torrone morbido alle nocciole

Angela

 

One Comment
  1. Non ho mai provato a fare il torrone in casa e tu mi inviti proprio a rimediare..bravissima Angela e felice inizio settimana <3

Se ti va, dimmi cosa ne pensi: