Tantissimi auguri di buon anno a tutti voi.

Non c’è niente che possa dire che non sia già stato detto, su questo 2021 che è iniziato da qualche giorno. Quindi auguriamoci solo che vengano mantenute le promesse.

Durante queste vacanze ho cucinato come una matta, ho fritto come non friggevo da secoli ma non ho fotografato quasi nessun piatto; sono passata direttamente dalla cucina alla sedia e mi sono goduta la compagnia della mia famiglia.

Non c’erano ospiti da stupire, tranne che a Natale, ma la fine del 2020 andava festeggiata al meglio. E così è stato.

Ho fotografato però questo semifreddo, proposto addirittura in due occasioni. Se vi avanzano dei ricciarelli o se li trovate ancora al supermercato, provatelo, che ne vale la pena.

Con queste dosi ho riempito due stampi di medie dimensioni (tipo quello nelle foto) e ho servito il semifreddo per Natale e per la Befana.

Ciò vi fa capire che potete preparare il dolce con largo anticipo e conservarlo in congelatore fino al momento di servirlo.

Non spaventatevi dei tanti passaggi. E’ comunque un dolce piuttosto semplice da fare.

Semifreddo ai ricciarelli con salsa al Vin Santo

per circa 10-12 persone

per la bavarese:
180 g di ricciarelli
350 g di latte
150 g di panna liquida fresca
100 g di zucchero
5 tuorli di uova grandi
1 cucchiaino di essenza di vaniglia
8 g di gelatina in fogli
3 cucchiai di Vin Santo

250 ml di panna liquida fresca

per la meringa italiana:
100 g di albumi
200 g di zucchero semolato
60 g d’acqua

per la salsa al Vin Santo:
2 bicchieri di Vin Santo
2 cucchiaini di amido di mais (maizena)
poca acqua

per completare:
granella di mandorle

 

Preparare la crema inglese.

Scaldare il  latte e i 150 g di  panna insieme.

Nel frattempo,  con le fruste elettriche,  sbattere i tuorli con lo zucchero fino a farli diventare bianchi e spumosi,  unire l’essenza di vaniglia e il latte caldo a filo  mescolando con una spatola o una frusta.

Ammollare i fogli di gelatina in acqua fredda. Porre la crema su fuoco dolce e cuocerla  continuando a mescolare finché si addensa e vela il cucchiaio. Attenzione a non farla bollire, altrimenti le uova si stracceranno e la crema impazzirà.

Strizzare la gelatina e unirla alla crema, mescolando per farla sciogliere completamente.
Filtrarla attraverso un colino a maglia fine,  profumarla con il Vinsanto e, mentre è ancora calda, sbriciolarvi dentro i ricciarelli.

Mescolare per amalgamare bene tutto  e tenere da parte, coprendo con pellicola a contatto.

Preparare la meringa all’italiana.

Bagnare lo zucchero semolato con l’acqua e cuocere fino a 118-120°C. Quando la temperatura raggiunge i 110°C cominciare a montare gli albumi. Quindi, aggiungere a filo lo sciroppo bollente e montare la meringa finché appare sostenuta, lucida e con una temperatura quasi tiepida.

Completare il dolce

Montare 250 gr di panna fresca ma in maniera da ottenere una panna più che semi-montata.

Aggiungere una cucchiaiata di meringa alla bavarese, lavorando in senso circolare allo scopo di ottenere un composto spumoso e leggero. Travasare metà crema nella meringa, lavorando il compost dall’alto verso il basso. Unire la restante crema.

Aggiungere un terzo della panna al composto e lavorare sempre dall’alto verso il basso. Piano piano versare tutta la crema all’interno e lavorare con delicatezza per non smontare il composto.

Se avete lo stampo in silicone, versatevi il composto e mettete in congelatore fino a una mezz’ora prima di servire. Altrimenti, foderate con un doppio strato di pellicola uno stampo a piacere, lasciandola debordare un poco, con delicatezza, iniziate a versare la crema nello stampo. Poi sbattete delicatamente lo stampo per eliminare eventuali bolle d’aria,  sigillatelo  con dell’altra pellicola e mettete in frigorifero a rassodare.

Preparate la salsa al Vin Santo.

Questa operazione va fatta al momento di portare in tavola il dolce.

In una tazza  stemperare l’amido di mais con un goccio d’acqua e aggiungerlo  al Vin Santo.

Mescolare velocemente e lasciate addensare il tutto fino a ottenere una crema densa e vellutata.

Al momento di servire, versare la salsa sul fondo del vassoio, poi estrarre delicatamente il semifreddo dallo stampo e capovolgerla sul piatto di servizio. Decorare con la granella di mandorle.

Enjoy!

Angela

Se ti va, dimmi cosa ne pensi:

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.