Le scarcelle di Pasqua sono dolci caratteristici della mia terra, la Puglia.

Sono biscottoni dolci, con la consistenza tipica dei biscotti da forno e sono ottimi da pucciare nel latte, al mattino.

Li ho fatti quest’anno, per la prima volta e improvvisamente, la mattina di Pasqua, mi sono sentita più vicina a casa mia.

Sono rigorosamente senza glutine, ad eccezione delle codette, che non ho trovato certificate.

Sulle scarcelle mia e dell’Elisa, quindi, non ho messo nulla.

Scarcelle di Pasqua

500 g di farina 00 (io ho usato la Nutrifree per dolci)
100 g di zucchero
3 uova
10 g di ammoniaca per dolci
scorza grattugiata di 1 limone
50 g di latte tiepido
50 g di olio evo
1 pizzico di sale
latte per spennellare

Uova sode
Codette colorate (fate attenzione se siete celiaci)

Forme di carta (io ho disegnato e ritagliato una colomba e un coniglietto)

 

Mettere sulla spianatoia la farina a fontana, oppure versarla nella ciotola della planetaria.

Aggiungere lo zucchero e mescolare brevemente. Inserire le uova una per volta, continuando sempre a mescolare. Sciogliere l’ammoniaca per dolci nel latte tiepido mentre le uova vengono assorbite dall’impasto, poi aggiungere a filo prima il latte e poi l’olio extra vergine d’oliva.

A seconda della farina usata, potrebbe essere necessario aggiungere uno o due cucchiai di acqua, per compattare.

A questo punto iniziare a lavorare l’impasto con le mani. Non appena ottenuto un composto liscio e omogeneo metterlo da parte e lasciarlo riposare coprendolo con una ciotola.

Nel frattempo recuperare le forme di carta. Prendere un pezzo d’impasto e stenderlo su una spianatoia infarinata. Poggiare il disegno sull’impasto e ritagliare.

Al centro di ogni formina ottenuta posizionare l’uovo sodo che bloccherete con due strisce di impasto incrociate. Spennellare con il latte e decorare con le codette.

Per fare l’occhio ho usato un’amarena.

Lasciare cuocere in forno preriscaldato a 170° per 30 minuti.

Enjoy!

 

Angela

Se ti va, dimmi cosa ne pensi:

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.