Ci siamo, gente!!!

Si aprono le danze.. ancora 2 giorni alla vigilia.

Non tutti amano questo periodo dell’anno, lo so; il Natale amplifica ogni cosa.

Chi è normalmente solo, in questo periodo lo è ancora di più. E chi ha difficoltà economiche, a Natale si sente ancora più povero.
Per non parlare dei conflitti familiari e delle piccole ipocrisie che si sublimano a tavola, quando ti ritrovi accanto il parente che non vedi mai… che se lo rifugi per tutto il resto dell’anno ci sarà pure un motivo.

Però.

Se non hai perso il contatto con la parte più infantile di te o se hai la fortuna di avere a che fare con dei bambini, non puoi non tornare indietro nel tempo e rimanere contagiato dalla magia.
La città illuminata, l’attesa per i regali che si fa fremente, l’aria di festa…

Ecco, io adoro il Natale a prescindere. E i miei doni più prezioni li ho ricevuti 5 anni fà e 3 anni fà.
Tutto il resto è contorno.

Certo.. volendo ci sarebbe anche quel bellissimo obiettivo 50mm f/1.8 per la mia Canon che ho rispolverato e che sto imparando ad usare… 😀 😀 😀

 

 

Se anche voi al contorno avete già pensato ma vi manca un primo per la vigilia, vi consiglio questi buonissimi straccetti al grano saraceno, conditi con un ragù bianco di pesce.
I miei, ovviamente, son senza glutine.

 

Straccetti pesce 2

 

 

Straccetti pesce 1

 

 

Straccetti al grano saraceno senza glutine con ragù bianco di pesce

per 4 persone

per la pasta fresca 

170 g farina MixIT senza glutine

25 g fecola di patate

25 g farina di grano saraceno

2 uova

2 cucchiai d’olio

1 o 2 cucchiai d’acqua se ci fosse bisogno

farina sottilissima di riso o di mais per il piano di lavoro

 

per il ragù

circa 700 g di pesce tra gamberi, verdesca e anelli di calamaro

porro, cipolla e carote per il soffritto

olio extravergine di oliva

brodo di pesce

 

Disporre le farine setacciate a fontana. Rompere al centro le uova e aggiungere l’olio. Iniziare ad impastare aggiungendo, se necessario, un cucchiaio d’acqua alla volta.

L’impasto risulterà facilmente lavorabile. Far riposare un pò (questa operazione, che normalmente serve per far rilassare il glutine, in questo caso non sarebbe necessaria ma ho notato che per un qualche motivo che mi sfugge, è utile anche per questo tipo di farine).

Mentre l’impasto riposa, preparare il ragù di pesce.

Pulire i gamberi, eliminando il carapace e il filo nero. Pulire anche la coda di rospo e i calamari. Con il carapace e le eventuali teste e spine preparare un fumetto di pesce.

Tagliare tutto in pezzetti piccoli.

Preparare un soffritto con porro, cipolla e carota, versare la coda di rospo, far insaporire per qualche minuto e poi aggiungere i pezzetti di calamaro. Da ultimo aggiungere i gamberetti.

Sfumare con vino e portare a cottura. Ci vorranno circa 15 minuti, in tutto.

Spegnere, e tenere da parte.

 

Riprendere l’impasto degli straccetti.

Stendere a mano o con l’impastatrice in uno spessore piuttosto sottile e ritagliare dei rombi, senza troppa precisione (sennò che stracci sono? 😉 ).

Cuocere in acqua salata bollente. Quando mancano un paio di minuti spegnere il fuoco e coprire la pentola con un coperchio, per terminare la cottura senza che la pasta si disfi.

Condire col ragù preparato, spolverare con prezzemolo fresco e servire.

 

Firma2

 

 

One Comment
  1. Che golosissima proposta 🙂 Complimenti cara!
    Ne approfitto x lasciarti i miei auguri di sereno Natale a te e alla tua splendida famiglia <3

Se ti va, dimmi cosa ne pensi: