Un cuore per San Valentino

Cuore quilling

Sono cresciuta con l’idea che San Valentino fosse la festa di chi si ama, nel senso più generico del termine.

E’ stata mia madre a regalarmi questa visione allargata del concetto, fin da piccolina, quando, nella nostra esistenza a due, ogni 14 febbraio mi svegliava con un cioccolatino, facendomi gli auguri.

Per quanto io ora (ok… sempre) mi lamenti della sua rigidità, mia madre è sempre stata una donna dalle grandi vedute, dal grande coraggio e dall’amore sconfinato, seppur così ben nascosto dietro il suo piglio severo. Una donna d’altri tempi.

E’ a queste cose che penso ogni volta che devo contare fino a 10 prima di prendere fuoco, nelle nostre regolari discussioni 😛 😛 😛 (ciao, mamma, TVB 🙂 )

In ogni caso, questa idea di San Valentino l’ho trasmessa alle mie figlie.

Elisa si prepara per giorni al grande evento, ritagliando cuori rossi da spargere per casa e disegnando fogli su fogli di noi che ci teniamo per mano perchè, come ha ribadito anche venerdì mattina, i suoi amori sono: la mamma, il babbo, l’Aurora e i nonni.

 E così è stato il nostro San Valentino.

Una cena a 4, anzi a 5, nonna compresa, ospite a casa nostra per un pò.

Che pure se volevi fare una cenetta romantica con tuo marito, per la legge di Murphy, a una delle due pulci doveva venire la bronchite.

La torta che vi mostro oggi non era per i miei tesori… ma è servita comunque a festeggiare l’Amore.

Il dolcissimo cupido dai lunghi capelli biondi che mi ha chiesto una mano, ha detto che avevamo fatto centro… EVVAI! 🙂

Cuore1

Cuore2 Cuore3

Un cuore per San Valentino

La base è una Devil’s Food cake, farcita con crema diplomatica e gocce di cioccolato. Prima di essere ricoperto e decorato, il cuore è stato stuccato con una ganache al cioccolato fondente.

 

Crema diplomatica

Crema Pasticcera di Maurizio Santin

500 ml latte
130g zucchero
40g farina 00
100g tuorli (circa 6)
1 baccello di vaniglia

250ml panna montata

Realizzare la crema pasticcera come al solito.

Portare a bollore il latte con la vaniglia; nel frattempo, mescolare insieme tuorli, zucchero e farina e aggiungere da ultimo, a filo, il latte caldo.

Mettere sul fuoco e fare addensare la crema, finchè vela il cucchiaio, mescolando continuamente. Far raffreddare.

Montare la panna (non ho aggiunto ulteriore zucchero) e mescolare delicatamente alla crema pasticcera ormai fredda, fino ad ottenere un composto omogeneo.

 

Ganache al cioccolato fondente

150g cioccolato fondente
150ml panna fresca

Portare a bollore la panna. Spegnere e versare sul cioccolato spezzettato. Lasciar passare qualche minuto, quindi mescolare finchè tutto il cioccolato non è sciolto e si è ottenuto un composto omogeneo.

 

Preparazione del dolce

Tagliare la Devil’s Food cake (preparata, possibilmente, il giorno prima e lasciata in frigorifero a riposare) in 3, in modo da ottenere 2 strati di farcitura.

Farcire ogni strato con la crema diplomatica preparata, alla quale sono state aggiunte delle gocce di cioccolato.

Mettere in frigo a rassodare per un’oretta (senza questo passaggio, sarà più difficile tagliare la torta a forma di cuore. Se non dovete tagliarla ulteriormente, potete omettere questa parte e passare subito alla stuccatura).

Nel frattempo, a partire dalla circonferenza della torta (io ho usato una tortiera da 20cm), ricavare un cuore con la carta forno.

Prendere la torta farcita dal frigo, posizionare sulla superficie il cuore di carta forno, fissandolo con 2 stuzzicadenti per tenerlo fermo e ritagliare il dolce.

Una volta ottenuto il cuore, ricoprilo con la ganache preparata, facendo attenzione a stenderla in modo uniforme.

L’ho già detto altre volte, ma la stuccatura è importante per impedire all’interno del dolce di seccare, per uniformare la superficie e per far poi aderire bene la pasta di zucchero.

Mettere un frigo per circa mezz’ora.

A questo punto, si può passare alla fase di decorazione, posizionando la torta sul vassoio finale, ricoprendo con la pasta di zucchero e applicando le decorazioni.

In questo caso, ancora una volta, ho usato la tecnica del Quilling per la decorazione. Nel prossimo post vi farò vedere come ho realizzato il cuore rosso, posizionato su questa torta.

Vi aspetto col tutorial, dunque… stay tuned!

Con questo dolce cuore, partecipo ai seguenti contest:

I dolci del cuore, di Dolci a gogo

contest i dolci del cuore

..

Mi regali una torta? di Crema e panna

contest mi regali una torta?

Keep Calm and present your paradise, di Una fetta di Paradiso

contest keep calm

15 thoughts on “Un cuore per San Valentino

  1. La torta era bellissima e di certo buonissima!!! Complimenti Angela diventi ogni volta più brava, precisa e fantasiosa… hai uno stile tuo e unico… la cosa più difficile da ottenere! 😉
    Si vede tutta la passione che ci metti…. ♥

  2. Va benissimo, Sweet Angel!!!!
    inserita!!!!
    vorrei chiederti una cosa: posso mettere nel pdf anche il tutorial per il cuore? vorrei fare una cosa completa….
    grazie di tutto.
    Smack!!!!

  3. Più che ben, direi ottimo, grazie Angela, lo sto inserendo nel contest!
    Dovrò sperimentare anche io, prima o poi, questa tecnica, a te viene molto bene e mi piace l’effetto.

  4. Bellissima torta tesoro è davvero incantevole e ricca di particolari mi piace assaaaaaiiii è deliziosa!!Un bacione e grazie per aver partecipato al contest!!!
    Imma

  5. Il concetto che hai trasmesso a tua figlia di questa festa è bellissimo e lo approvo! La vostra cenetta romantica di San valentino deve essere stata emozionante e piena d’amore (allargato!)
    La torta toglie il fiato x la sua perfezione..complimenti 6 bravissima 😀
    la zia consu

  6. Angela, che dire,
    fantastica la torta (prima o poi mi autoinvito te lo dico) e fantastica la tua famiglia.
    Ogni volta che ne parli è come se fossimo tutti lì! ^^
    W l’ Amore, in ogni sua forma, anche quella di piccole bimbe bionde e mamme burbere!
    La mia il giorno dopo San Valentino mi ha chiesto quanto ho “strogolato” e se avevo pulito la cucina subito dopo… -____-“

    1. La mia non ha avuto bisogno di chiederlo.
      E ogni volta che le mie aiutanti montano su una sedia per arrivare meglio al banco di lavoro, inizia a scuotere la testa immaginando sbuffi di farina ovunque! Ma le loro faccine soddisfatte sono impagabili… quindi chisseneimporta 😉
      Anzi.. ho anche trovato una ricettina fantastica per tenerle buone, stasera prima di cena 😉

Se ti va, dimmi cosa ne pensi: