Come promesso qui, ho realizzato un breve tutorial per mostrarvi come ho realizzato l’arca, partendo da due torte alla panna, cotte in un stampo rettangolare.

La torta alla panna si presta bene ad essere modellata per realizzare torte in 3D, perchè è sostenuta e umida e non ha bisogno di essere bagnata molto.

Ho tagliato le due basi a metà ricavando 3 strati di torta e 2 di farcitura. L’ultimo strato l’ho utilizzato per creare la parte superiore in rilievo. Vediamo come.

Su un pezzo di carta forno ho disegnato e poi ritagliato la forma che volevo dare all’arca. Dopo aver tagliato le torte e ottenuti i 4 strati, su uno di essi ho appoggiato la sagoma disegnata e l’ho fermata con degli stuzzicadenti, in modo che non si spostasse durante il taglio.

IMG_8011 Ho ritagliato seguendo i contorni della carta forno.

IMG_8013

Ho sovrapposto la sagoma alla torta già farcita e ho ritagliato la parte sottostante.

IMG_8015

Dallo strato superiore ho ricavato i bordi della barca e la prua.

IMG_8017

Poi ho cercato di sagomare lo scafo della barca, assottigliando il dolce verso la base.

IMG_8016

Ho rimosso la parte centrale dell’ultimo strato e fissato i bordi con un pò di Nutella.

IMG_8018

Gli strati “veri” del dolce sono 3 (2 di farcitura). Normalmente, nelle torte tonde classiche, faccio gli strati molto più bassi e arrivo fino a 4. In questo caso, invece, mi serviva che la torta fosse “sostenuta”, quindi non ho voluto esagerare col ripieno e lo spessore del singolo strato è rimasto più alto. L’ho comunque un pò bagnata perchè avevo paura che “ingozzasse”. Come bagna ho usato latte zuccherato alla vaniglia.

Infine ho “stuccato”, con una ganache al cioccolato composta al 60% di cioccolato fondente e al 40% da panna.

Lo strato è molto sottile ma è neccessario perchè isola la parte interna del dolce impedendole di seccarsi, dà uniformità alla superficie che altrimenti resterebbe sbriciolosa e consente alla pasta di zucchero di attaccarsi.IMG_8184

Il risultato finale, lo vedete qui.

Non è molto difficile, no?

 

 

2 Comments

Se ti va, dimmi cosa ne pensi: