Il castagnaccio è un dolce che ho imparato a conoscere quando mi sono trasferita in Toscana e che ho imparato a fare da mia suocera.

E’ uno di quei piatti che appartengono alla tradizione, arricchito diversamente a seconda delle zone in cui lo si mangia e che ogni famiglia fa in modo diverso (alto, basso, con le scorzette d’arancia, con la frutta secca ecc).

Fondamentalmente si tratta di un composto a base di farina di castagne e acqua, profumato con rosmarino, cui vengono aggiunti pinoli, uva passa e frutta secca.

Nei giorni scorsi ho trovato la prima farina nuova della stagione e l’ho preparato.

A casa mia piace basso, con la crosticina sul bordo. Difficilmente arriva al giorno dopo perchè c’è sempre qualcuno con cui condividerlo. Questa, forse, è la cosa che mi piace di più 😉

 

Castagnaccio 6 Castagnaccio fetta

Castagnaccio con noci e uvetta

per una teglia da 28-26cm

250g farina di castagne

400g acqua, circa

una manciata di sale

rosmarino

noci

pinoli

uva passa

olio extravergine di oliva (l’olio nuovo, toscano, sarebbe l’ideale)

Versate la farina di castagne in una ciotola, aggiungete un pò per volta l’acqua finche il composto non risulta piuttosto fluido e mescolate fino a sciogliere tutti i grumi.

Aggiungete all’impasto 2 cucchiai di olio, una presa di sale, una manciata di pinoli, l’uvetta messa ad ammollare e mescolate ancora per amalgamare.

Ungete una teglia bassa e versate il composto.

Spargete sulla superficie un pò di rosmarino e le noci, fate un giro d’olio e informate a 180° finchè la superficie non risulterà spaccata e i bordi non si staccheranno dalla teglia e faranno un pò di crosticina.

Fate raffreddare, prima di mangiare.

 

 

 

 

 

 

 

Con questa ricetta partecipo al contest Autumn is here, di Mela & cannella

 

Contest Autumn is here

 

 

2 Comments
    1. In effetti le uvette danno quel tocco in più!
      Soprattutto se le metti ad ammollare nel Rum 😉

Se ti va, dimmi cosa ne pensi: