Quando un 25 di maggio ti viene voglia di un plaid, di the caldo e di biscottini appena sfornati, manco fosse novembre, vuol dire che qualcosa non torna. 
E infatti, quella pioggia battente, con tanto tuoni, fulmini e saette.. e quei 10° scarsi fuori dalla finestra sono veramente fuori luogo… o, forse, sarebbe meglio dire fuori tempo!
 
Che fare? 
Restano poche alternative.
 
Inizi a “rufolare” (termine mutuato dal vocabolario della mia quattrenne) in cerca di mandorle e nocciole (…celo), burro (…celo), uova (…celo), farina di grano saraceno e di riso (questa poteva essere più difficile, per una persona che non fa magazzino di almeno 6/7 diversi tipi di farina. Per fortuna non è il mio caso!!! …celo pure questa!)…
…e allora… biscottini siano!
 
La scelta è ricaduta su questi frollini saraceni, ricetta presa dal libro Golosi di salute, di Luca Montersino.
Beh.. lui poi, in realtà, li ricopre con un cremino alle nocciole, ma per il the delle 5, solo i biscotti vanno benone!


Ingredienti
240g di zucchero di canna scuro
100g di nocciole tostate
140g di mandorle non pelate
100g di farina di grano saraceno
100g di farina di riso
200g di burro
30g di uova



Ho tritato finemente la frutta secca con lo zucchero, poi ho aggiunto le farine e mescolato bene. A questo punto ho messo il burro e ho lavorato il composto in modo da intridere la farina con il grasso. Da ultimo, l’uovo.
Quando ho amalgamato tutto, ho steso e appiattito l’impasto tra due fogli di carta forno e ho messo in frigo per un pò.
Dopo il necessario riposo al fresco, ho steso con il mattarello ad uno spessore di 1cm circa e rimesso in frigo qualche minuto a rassodare ancora.
Poi ho passato in forno… 180°, per 20 minuti (a me, i biscottini, piacciono belli croccanti, per cui li lascio cuocere sempre qualche minuto in più del dovuto.. senza farli bruciare, però!).
Provateli e fatemi sapere!



Con questa ricetta partecipo al contest de Il Molino Chiavazza

 
 
 
Con questa ricetta partecipo al contest Dolci con farine speciali di Una fetta di Paradiso










2 Comments

Se ti va, dimmi cosa ne pensi: