Tutte quelle volte che mentre sei a lavoro ti squilla il telefono e leggi il numero dell’asilo nido… e senti una gocciolina scivolare lungo la schiena anche se è pieno inverno.

Che poi, nel 90% dei casi si tratta di comunicazioni di servizio.

E poi c’è quella volta che hai appena rimandato tua figlia a scuola dopo quasi 2 mesi di assenza per malattia e, quando vedi spuntare quel numero, resti relativamente tranquilla (statisticamente passa almeno una settimana tra una bronchite e la febbre successiva).

E invece s’è fatta male e dovresti-venire-a-prenderla-perchè-è-il-caso-di-portarla-al-pronto-soccorso!

Arrivo!, rispondo.

A quel punto il verbo “volare” assume una sfumatura un pelino più drammatica e, mentre sono PRUDENTEMENTE alla guida, immagino rivoli di sangue che scorrono su biondi riccioli ribelli e un visino tumefatto stravolto dalle lacrime.

Parcheggio di sghimbesc… ehm… no… parcheggio accuratamente davanti all’ingresso dell’asilo e dalle vetrate vedo invece il mio angioletto che mi corre incontro tutta felice, sulle sue gambine.

Le maestre, loro si, mi sembrano parecchio stravolte invece.

Aurora ha i capelli bagnati e un bel taglio sulla testa, con tanto di bernoccolo. Per fortuna ha smesso di sanguinare.

Finisce con 3 punti di sutura sulla testa, 2 giorni di stretta osservazione a casa e un diploma per il coraggio dimostrato.

E -5 anni di vita per me.

DiplomaCoraggio

Ricetta veloce, buonissima e facilissima!

Fatta per la vigilia di Natale in collaborazione con mio nipote, al primo anno della scuola alberghiera. Lui ha curato la presentazione.


Catalana 2 Catalana 3

Catalana di scampi e mazzancolle

Per 6-8 persone

1Kg tra scampi e mazzancolle

1 finocchio

2 arance

Olive nere e chicchi di melagrana

Pulire benissimo il pesce, eliminando la testa e il filo dell’intestino. Potete eventualmente eliminare completamente il carapace, lasciando solo le code. Io ho preferito tenerlo.

Sbollentare i crostacei per 3-4 minuti a partire dalla ripresa del bollore dell’acqua e poi scolarli. Non aumentate i tempi di cottura altrimenti diventeranno duri e gommosi.

Spremere un’arancia e versare il succo sugli scampi e sulle mazzancolle, salare e lasciarli in questa marinata fino al momento di servire.

Su un piatto da portata, tagliare finemente il finocchio e l’altra arancia a spicchi. Sistemare i crostacei e fare un bel giro d’olio extravergine di oliva.

Decorare con le olive e i chicchi di melagrana.

Nota

Sono passati solo 8 giorni dall’inizio del 2014 e scappa anche a me, ma spero che gli infermieri prendano la mano a scrivere la data con l’anno giusto sui documenti ufficiali 😀 😀 😀

5 Comments
  1. Grande Aurora!
    Un piccolo cuor di leone!
    Questo attestato è bellissimo, ma dovrebbero darne anche uno alle mamme e ai babbi credo, “Attestato sul perchè da adesso hai una ruga in più, Mamma/Babbo Coraggio!”.

    PS. Io continuerò a scrivere 2013 per almeno un altro paio di mesi…
    PPS. Mi hai già fatto venire fame con quei gamberi… sigh!

    1. Non mi parlare di rughe, Ale.
      Ho retto, tutto sommato bene, finchè c’era solo Elisa… ma la piccoletta sta minando pericolosamente il mio fascino adolescenziale 😀 😀 😀

  2. un bacione alla tua piccola grande eroina Aurora e una forchettata di straforo al tuo piatto!
    bacioni,
    Vale

    1. Grazie cara… per fortuna pare stia benino e non abbia risentito più di tanto dell’accaduto!
      Baci

Se ti va, dimmi cosa ne pensi: